Fazio, la tv intelligente e i peggiori blog di Caracas

Conferenza stampa di presentazione del 63mo Festival della canzone italianaDal Messaggero di oggi

di Stefano Cappellini

«Ci sono cretini che hanno visto la Madonna e cretini che non hanno visto la Madonna», declamava Carmelo Bene in Nostra signora dei turchi regalando al suo pubblico un aforisma imbattibile sulla casualità della visione e a Fabio Fazio, nel piccolo dei nostri giorni, un potenziale argomento nella sua ricerca di alibi al calo di ascolti che affligge questa edizione del festival di Sanremo.

Forse a Fazio verrà più facile citare un De Gregori, come i calciatori non si giudicano dai calci di rigore è possibile che anche il festival non si possa valutare sui dati Auditel, o magari un Battiato, perché talvolta è vero che, come le stagioni dell’amore, lo share viene e va senza troppe spiegazioni. Resta però, al di là di ogni tara sugli ascolti, la sensazione di stanchezza che emana dal festival della coppia Fazio-Littizzetto, così marcata che la tentazione di ergere questo crepuscolare Sanremo a specchio del Paese è potente e banale quanto la corsa alla metafora sul raddrizzamento della Concordia (che peraltro a differenza del festival e dell’Italia s’è raddrizzata davvero).

Sanremo è stato nella sua versione più pura, quella alla Baudo, quella della resurrezione dopo gli anni bui, il trionfo dei cliché: il presentatore in smoking, la valletta mora e la valletta bionda, la diva che scende le scale, le gag riciclate dal repertorio dell’avanspettacolo, il super-ospite straniero, le polemiche telecomandate, lo scandalo (parliamo di scandali tipo la Bertè sul palco con il pancione finto, per capirci). Eppure proprio la cappa di conformismo che gravava su quei Sanremo esaltava lo spettacolo, lo rendeva vivo – rito imperdibile per il pubblico di massa, culto trash per quello di nicchia, attrazione fatale per quasi tutti – e il contrasto con i pochi momenti fuori copione diventava subito mito, come il Vasco Rossi via dal palco con il microfono in tasca e il playback che va per conto suo oppure la scoppola e il jeans ascellare di Ramazzotti in cerca di terra promessa. Del resto, il concetto è chiaro da tempo alla critica: metti insieme due o tre cliché e ne otterrai un’opera mediocre, mettine insieme cento e avrai un capolavoro.

Nella versione faziana, invece, Sanremo si presume libero dai cliché. La liturgia è seguita solo per parodiarla, come quando si ironizza sulla cantilena degli autori delle canzoni dopo la presentazione del titolo. Risuona nell’Ariston faziano l’atmosfera dello show intelligente, della buona compagnia, quel felpato circolo di buone letture e buone visioni che l’umorismo scatologico della Littizzetto dovrebbe rendere trasgressivo, restituendo l’impressione di un show che può andare fuori controllo da un momento all’altro, come quando la comica si siede sulla scrivania di Fazio a Che tempo che fa e il conduttore si finge terrorizzato da quel che lei potrà dire e quel che lei dirà saranno un pugno di parolacce e qualche tirata contro la politica, tutta la politica, ché la tv intelligente sa come mettersi in sintonia con i peggiori blog di Caracas. Ma naturalmente nel Sanremo di Fazio nulla è mai fuori controllo, nemmeno i fuori programma veri, persino i disoccupati aspiranti suicidi. Il Sanremo di Fazio è un cosmo dove tutto è citazione, e citazione della citazione, e citazione al cubo, e l’operazione nostalgia, già discutibile ai tempi in cui Fazio sdoganava i passerotti e le anime nostre, si trasforma definitivamente in un museo di cere, che uccide lo slancio del vecchio festival, la sua energia e, paradossalmente per una factory tanto impegnata, chiude ogni finestra sulla realtà. Come in quei film italiani d’arte presunta e noia certa (che però reclamano a gran voce i soldi dello Stato) si rinuncia alla narrazione e ci si rifugia nel meta-linguaggio: non ti racconto una storia, ti racconto come la racconto. Per questo ci si inventa la chiave della bellezza, per questo si inframezza la scaletta con la stucchevole prassi degli elenchi di cose, per questo si invita la Casta e non si sa cosa farci (ma si finge di saperlo).

Se Fazio è salito sul carrozzone del festival per smontarlo e rimetterlo in strada mondato dei suoi peccati, ce lo ha restituito forse assolto, ma clinicamente stecchito.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...